Non ci sono prodotti nel carrello

Chiudi

B&B

Isola d Elba tra spiagge e storia

Isola d'Elba L'isola d'Elba nel corso della storia è stata teatro di grandi eventi, infatti non esiste civiltà del Mediterraneo che non sia passata da qui lasciando il proprio segno. Le leggende mitologiche narrano che nell'odierna Capo Bianco (porto Argon) Giasone si fermò durante la ricerca del Vello d'oro e, come scrive Virgilio nell'Eneide, da lì partirono 300 giovani elbani per aiutare Enea contro i Rutuli.
L'Elba fu anche un inesauribile fonte di ricchezza per gli Etruschi che già nel VII a.C. ne sfruttavano le miniere esportando il ferro in tutto il bacino del Mediterraneo.
Successivamente i Romani valorizzarono anche i giacimenti di granito e scoprirono i fanghi curativi delle Terme di San Giovanni, valorizzarono le bellezze del paesaggio ed i vini eccellenti: "L'Isola del vino buono" scriveva Plinio il Vecchio. Nel Medioevo fu la Repubblica Marinara di Pisa a sfruttare le miniere di ferro e di granito: la maggior parte delle colonne di Piazza dei Miracoli provengono infatti dall'isola.
Nel 1548 arrivarono i Medici, Cosimo I realizzo la città fortificata di Portoferraio, vero gioiello di urbanistica militare. Subito dopo fu
la volta degli Spagnoli, nel XVIII secolo fu contesa da Austriaci, Tedeschi, Inglesi e Francesi finche fu assegnata in piena proprietà e sovranità a Napoleone Bonaparte che in soli dieci mesi di governo lasciò importanti impronte costruendo strade, riorganizzando l'economia mineraria e incrementando la produzione e l'esportazione del vino.
L'isola offre spiagge di sabbia dorata e morbida, di bianchi sassi, scure di ferro oppure calette a strapiombo su scogli che si tuffano nel mare.
Lungo i chilometri della costa le spiagge rappresentano veri e propri tesori da scoprire: tutte diverse l'una dall'altra con in comune un mare cristallino e un fondale ricco di pesci per gli appassionati di snorkeling.